DEBACLE PRIMAVERA, ANCHE LEI KO

24 febbraio 2011

Negli ultimi anni, nonostante le tragiche stagioni che sta vivendo la Juve, la società bianconera continuava ad avere qualcosa di cui potersi vantare: erano i successi che annualmente otteneva il nostro settore giovanile, a partire proprio dalla Primavera, che risultava essere, comunque, un gran motivo di soddisfazione. Perché avere un settore giovanile ben impostato significa avere basi solide su cui poter instaurare un progetto calcistico, dato che, puntare sui giovani vuol dire guardare al futuro con fonti interne ed economiche. E se questi giovani hanno talento e sono di valore, si può davvero sperare in anni migliori. Purtroppo, a partire da questa stagione, anche questo motivo di gioia è venuto a mancare, e ciò potrebbe essere segno del già preannunciato e ormai quasi inevitabile declino: la nostra primavera, infatti, non sta ottenendo i risultati sperati, ed, anzi, si sta dimostrando non all’altezza delle stagioni precedenti e, soprattutto, delle altre avversarie. Leggi il seguito di questo post »


GUAI A SNOBBARE LA COPPA ITALIA

13 gennaio 2011

Viste le difficoltà della Juve, la sete di vittorie della squadra e la storia di questo club, ogni occasione deve essere considerata quella giusta per poter aggiudicarsi un nuovo trofeo. In un momento come questo, anche la vittoria della Coppa Italia potrebbe significare una boccata d’aria importante per una squadra che ormai non vince da molto tempo. E chissà che non possa servire per sbloccarsi e tornare a vincere con la continuità del passato. Ecco perchè, dopo i flop delle scorse stagioni, sarebbe un peccato non dare l’importanza che merita a questa coppa, non solo a parole (quelle, purtroppo, non mancano mai), ma anche con i fatti, e le vittorie. Leggi il seguito di questo post »


UN AMARO SCHERZO DEL DESTINO

22 dicembre 2010

Amarezza. Tanta, per via del pareggio di domenica pomeriggio a Verona. Per il risultato in sé e per sé, ma ancora di più per come è giunto, considerando anche la partita che è stata giocata. Nella partita in cui forse tutti i tifosi Juventini possono essere davvero certi che quest’anno abbiamo una grande squadra, con un grande cuore e grande organizzazione, non si riesce a ottenere un bottino pieno che sarebbe stato giusto oltre che meritatissimo. Perché parare un rigore, passare in vantaggio, giocare in 10, saper soffrire, produrre tantissime occasioni, non è da tutti; ma sbagliare due gol clamorosi, e poi prenderne uno da fessi all’ultimo secondo, non dovrebbe essere da Juve. Si cambierà. Leggi il seguito di questo post »


E ORA LA QUALIFICAZIONE E’ A RISCHIO

5 novembre 2010

C’è un piccolo alibi che, fino a un certo punto, assolve la Juve dalla triste partita di ieri a Salisburgo, ed è quello legato ai tanti infortuni che oramai da 5 anni ci tartagliano ininterrottamente. Volete che vi dica gli indisponibili? Forse faccio prima a dire i disponibili: Storari, Motta, Bonucci, Pepe, Sissoko, Marchisio, Amauri e Del Piero. 8 in tutto. Proprio nell’anno in cui abbiamo assunto il miglior preparatore atletico italiano, quello che l’anno scorso era stato autore del miracolo Samp: 0 infortuni muscolari. Neanche De Bellis è riuscito a fare qualcosa. Servirebbe davvero un esorcista, o un viaggio a Lourdes. Leggi il seguito di questo post »


OBBLIGATI A VINCERE. MA COME?

3 novembre 2010

Del Neri è un bravissimo allenatore. Ma nel caso della Juve, in questi giorni, più che un allenatore bravo, servirebbe un mago: per poter schierare una formazione di 11 giocatori domani col Salisburgo, infatti, si può solamente immaginare, inventare. Già, perché i giocatori della Juventus (esclusi i primavera) disponibili per la partita di domani in Europa League sono 9: Storari (unico portiere, anche Manninger dovrà stare fermo un mese), Bonucci, Legrottaglie (Chiellini non ha recuperato), Motta, Pepe (costretto a giocare terzino sinistro), Marchisio, Krasic (non squalificato in Europa), Del Piero ed Amauri. Leggi il seguito di questo post »