DEBACLE PRIMAVERA, ANCHE LEI KO

24 febbraio 2011

Negli ultimi anni, nonostante le tragiche stagioni che sta vivendo la Juve, la società bianconera continuava ad avere qualcosa di cui potersi vantare: erano i successi che annualmente otteneva il nostro settore giovanile, a partire proprio dalla Primavera, che risultava essere, comunque, un gran motivo di soddisfazione. Perché avere un settore giovanile ben impostato significa avere basi solide su cui poter instaurare un progetto calcistico, dato che, puntare sui giovani vuol dire guardare al futuro con fonti interne ed economiche. E se questi giovani hanno talento e sono di valore, si può davvero sperare in anni migliori. Purtroppo, a partire da questa stagione, anche questo motivo di gioia è venuto a mancare, e ciò potrebbe essere segno del già preannunciato e ormai quasi inevitabile declino: la nostra primavera, infatti, non sta ottenendo i risultati sperati, ed, anzi, si sta dimostrando non all’altezza delle stagioni precedenti e, soprattutto, delle altre avversarie. Leggi il seguito di questo post »


UN MERCATO VERO E PROPRIO…DI RIPARAZIONE

19 gennaio 2011

Dopo due settimane e dopo aver superato la metà del calciomercato, il borsino ed il resoconto per la Juve è molto semplice: un acquisto, Toni, ed una cessione, Lanzafame. Soldi spesi 0, guadagnati idem. E, considerando che l’infortunio di Quagliarella corrisponderebbe alla cessione di fatto del giocatore fino alla fine della stagione, la considerazione più importante del calciomercato sarebbe negativa: la Juve si è rinforzata fino ad ora? No, anzi è peggiorata. Il modo di guardare la stagione, il campionato, l’anno appena iniziato, è radicalmente cambiato dopo i primi 10-15 minuti della partita col Parma. Si è passato da una sensazione di ottimismo, dall’obiettivo scudetto, al ritorno del pessimismo cronico e della speranza di raggiungere quantomeno la Champions a fine stagione. Leggi il seguito di questo post »


UN PO’ DI CALCIOMERCATO

31 dicembre 2010

Ufficialmente ha avvio il 1 Gennaio. Di fatto, non finisce mai. E’ il calciomercato italiano, fatto di trattative, acquisti, cessioni, sì, ma anche di voci, retroscena, notizie (vere o false) su internet e sui giornali. Ma è anche fatto di speranze, sogni, delusioni, amarezze, gioie e dolori.

Lo sa bene la Juve, dove si parla di mercato oramai 12 mesi su 12. E in questi giorni più che mai.

Leggi il seguito di questo post »


A BRESCIA SOLO UN PAREGGIO

11 novembre 2010

La difficile trasferta del turno infrasettimanale di Serie A a Brescia si è conclusa con un pareggio, giusto, per quello fatto vedere in campo. E’ strano, comunque, per gli juventini, assistere a partite così. Quello che voglio fare non è una critica, ma una semplice constatazione. La Juve a Brescia non ha fatto male, anzi, ma le è mancata lo spunto, il guizzo decisivo per afferrare i 3 punti. Spunto che era anche arrivato, con Quagliarella (e la pesantezza di questo gol poteva essere manifestata anche dalla mia, forse eccessiva per partite come queste, esultanza), e per questo resta ancora di più il rammarico. Tuttavia, Brescia è sempre stato uno stadio difficile per la Juventus, che aveva vinto là tante volte quanto aveva pareggiato, ecco perché il 2 era tutt’altro che scontato.

Leggi il seguito di questo post »


ED E’ ORA CHE IL DIFFICILE INIZIA

16 ottobre 2010

Una delle parti più difficili della stagione è passata, ma il cammino che ci spetta ora (relativamente più facile), sarà invece ancora più difficile di quello appena passato: si dice infatti che “mantenere la vetta è più difficile che raggiungerla”; nel caso della Juve non si parla di vetta, ma di aspettative, dopo 3 partite (rispettivamente contro Cagliari e Manchester City a Manchester e Inter a Milano), di cui 1 importante vittoria e due o dir poco onorevoli pareggi, da mantenere sì. Leggi il seguito di questo post »


VI PREGO, BASTA DAVVERO

17 settembre 2010

E’ una sensazione brutta, orribile, di impotenza, quasi. Una squadra (chiamata Juve, da sottolineare il particolare) che in due partite consecutive, giocate entrambe in casa, segna sei gol, ma ne subisce altrettanti, e totalizza due punti in due partite (di competizioni diverse).

Leggi il seguito di questo post »